EVA FRAPICCINI

Selected Projects (2005—2014)


<h2>A. Prus Caneira</h2>
Eva Frapiccini / "Aleksander Prus Caneira. Quantum Physics and Portals of the Unconscious", 2011 / Installation views from Alberto Peola Gallery, Turin, Italy, 2011
<h2>A. Prus Caneira</h2>
Eva Frapiccini / still from the video "Aleksander Prus Caneira. Quantum Physics and Portals of the Unconscious", 2011
<h2>A. Prus Caneira</h2>
Eva Frapiccini / "Aleksander Prus Caneira. Quantum Physics and Portals of the Unconscious", 2011 / Installation views from Alberto Peola Gallery, Turin, Italy, 2011
<h2>A. Prus Caneira</h2>
Eva Frapiccini / still from the video "Aleksander Prus Caneira. Quantum Physics and Portals of the Unconscious", 2011

A. Prus Caneira

2011

[HD Cam 23' 46''; 16:9]


The mock-documentary "Aleksander Prus Caneira. Quantum Physics and the Portals of the Unconscious" proposes a meta-reality, from which the viewer will exit unknowingly tricked, not knowing – unless he/she decides to dive deeper into the case and verify the sources, that the film itself is dedicated to someone who never actually existed, whose story is yet firmly anchored in last century’s history of science and culture. The short-movie criticizes not only the logic behind the production of history, inserting a character who could have actually existed and been “forgotten”, but it aims also at discussing the validity of sources, our way of relating our cultural History, and what could be truly considered "auctoritas".



****

Il mock-documentary "Aleksander Prus Caneira. Quantum Physics and the Portals of the Unconscious" racconta la vita e le scoperte di Aleksander Prus Caneira, dalla nascita, agli studi intrapresi, la sua vita a Zurigo, i viaggi in giro per il mondo con i suoi assistenti, la vita e le ricerche a Torino, e infine il suo studio bruciato e la nascita di un museo che raccoglie i suoi anni di ricerca. Quindi il documentario racconta in varie fasi la fortuna e la tenacia di questo scienziato che ha saputo incontrare sia la fisica che la psicanalisi. Tre personaggi danno il loro contributo in interviste, il suo amico di infanzia, Schmidt, un suo allievo e suo figlio, che è stato l'ideatore del museo. Il film racconta anche attraverso gli studi, le pubblicazioni e i reperti raccolti da Caneira durante la sua vita. L'obiettivo è quello di legittimare la ricerca dello scienziato, al fine di mettere in discussione i contemporanei sistemi di produzione di conoscenza e il concetto stesso di "auctoritas".



>Exhibitions:



























prova